Home   Contatti   Liceo Scientifico Statale "Gobetti" - Bagno a Ripoli (Firenze) - www.lsgobetti.it

 

 

Il Programma Comenius

 

A.S. 2008/2009 The Baroque as language of modern Europe: XVIIth-XVIIIth centuries
A.S. 2008/2009 Europe 14-18, Régards croisés sur la Première Guerre Mondiale

 

I progetti Comenius nascono all’interno del programma Socrates, un’iniziativa a cui la Comunità Europea ha dato vita per aiutare la scuola nei suoi vari ordini e gradi a formarne i cittadini. L’obiettivo comune dei diversi progetti è il contatto con altre realtà europee, la conoscenza e il confronto tra i diversi sistemi scolastici e la formazione verso un approccio didattico interdisciplinare e interculturale.

 

Docenti e studenti sono co-protagonisti dei progetti, ma i secondi, oltre all’esperienza nuova di lavorare su temi comuni con i loro colleghi partner, trovano nella mobilità, cioè nello scambio, il momento più formativo; in effetti vivere per due settimane a stretto contatto con studenti stranieri è un’occasione abbastanza impegnativa di educazione all’intercultura e alla tolleranza, in quanto presuppone la disponibilità dei ragazzi ad accettare l’altro, ad apprezzare con curiosità e senza pregiudizi ciò che è diverso dal loro “mondo” di appartenenza, nonché a comunicare in una lingua veicolare che non è la propria.

 

Fin dall’a.s.1997/1998 il nostro Istituto  ha aderito ad alcuni progetti Comenius tra i quali ricordiamo:

 

  • il progetto Rivers, Cultures and Cooperation (Fiumi, Culture e Cooperazione), dal 1997 al 2000, ha portato alla pubblicazione a stampa di un volume di fiabe, risultato di una originale esperienza didattica, e alla produzione di un volume (non pubblicato) che articola in nove capitoli il materiale elaborato dagli alunni che hanno lavorato al progetto con criteri di  interdisciplinarietà.

 

  • il progetto Paideia 2000, degli anni scolastici 1998/2000, fu svolto  in collaborazione con il Sint Dimpnacollege di Geel (Fiandre) e con il Liceo Louis Le Grand di Parigi. Tema del progetto il ruolo della scuola nella formazione del cittadino europeo del ventunesimo secolo: i momenti significativi delle attività di lavoro sono stati uno spettacolo teatrale, presentato da ciascuna delle tre scuole, e un convegno internazionale a cui ha partecipato, tra gli altri, l’allora ministro dell’ Istruzione, prof. Luigi Berlinguer. La storia e la descrizione del progetto, gli atti del convegno e altro materiale sono raccolti nel volume Paideia 2000: il ruolo della scuola nella formazione del cittadino europeo.

 

  • Il progetto denominato Ansie, Spiritualità e Speranze all’Alba del Terzo Millennio, coordinato da una scuola di Berlino, con istituti superiori di Francia, Germania, Olanda, Polonia e Spagna, è stato incentrato sulla condizione delle minoranze etniche in Europa; come punto di rilievo è stato scelto  l’approfondimento delle conoscenze sulla questione della Shoah nei vari paesi europei e dello sterminio del popolo Rom e delle forme attuali di discriminazione.

 

  • Il progetto Water solidarity (2000-2003), che si è posto quasi in ideale continuità con l’esperienza di Rivers, cultures and cooperation ed ha avuto come partner scuole di sette paesi (Belgio, Danimarca, Francia, Grecia, Lettonia, Svezia e Ungheria); al centro del progetto la tematica dell’acqua come risorsa comune, senza confini, da “proteggere” e distribuire equamente sul pianeta; obiettivo la sensibilizzazione dei giovani alle implicazioni del problema e alla creazione di una rete di solidarietà per l’acqua.

 

Oltre ad usare i metodi e gli strumenti di lavoro concordati dai paesi partner, gli studenti sono stati periodicamente invitati a partecipare a una serie di Congressi Giovanili Europei per l’Acqua, durante i quali hanno discusso tra di loro e con esperti di settore ed elaborato “risoluzioni” da sottoporre all’attenzione dei governanti, presentate ufficialmente durante i lavori parlamentari nelle capitali che ospitavano i congressi stessi. Nel Luglio 2001 il nostro Liceo è stato presente al secondo di tali congressi a Barcs in Ungheria; un’altra delegazione ha partecipato al terzo Congresso (Splash), a Geel in Belgio nel marzo 2003.
 

Lo stesso partner belga (Sint Dimpna College) ha organizzato un ulteriore convegno giovanile nel Settembre 2006 ( Sm@k), in cui è stato coinvolto con un progetto di scambio un piccolo gruppo di studenti a rappresentare il nostro liceo.
 

Per il triennio 2002-2005 è stato svolto il progetto Comenius da noi coordinato sul tema Le radici umanistiche dell’Europa; le scuole partner (Francia, Germania, Olanda, Polonia e Spagna) sono state chiamate a dare un contributo interdisciplinare, i cui contenuti sono stati raccolti in tre CD Rom  prodotti da un gruppo di studenti.
 

Realizzato negli anni  2003- 2006  nell’ambito del programma europeo Socrates/Minerva, è stato da poco portato a termine  il progetto GISAS,  coordinato dall’Università di Helsinki e dal Ministero dell’Istruzione finlandese. Scopo principale del progetto  è stato quello di sviluppare e promuovere una formazione scolastica basata sui sistemi geografici di informazione (GISAS sta per Geographical Information Systems Applied to School),  che porti all’introduzione dell’uso dei GIS nei curricoli delle scuole medie superiori europee per l’insegnamento della Geografia.

I vari partner – Belgio, Francia, Grecia, Italia, Lettonia, Svezia e Ungheria – hanno raccolto dati ambientali locali per produrre mappe tematiche servendosi del software ArcView. La pubblicazione in rete di tutte le mappe è stata curata dalla università di Helsinki mediante il software ArcIms, che rende visibile il lavoro nella sua globalità.

Con la partecipazione al progetto il nostro Liceo è diventato scuola pilota per l’Italia, dove si parla già di questi strumenti per rinnovare l’insegnamento della geografia nei nuovi programmi della scuola media non solo superiore. Un corso di formazione per i docenti sull’uso di questi strumenti nella didattica è stato organizzato nello scorso anno scolastico.

 

Per quest’anno 2008/2009 sono previsti due progetti Comenius:
 

The Baroque as language of modern Europe: XVIIth-XVIIIth centuries
 

Il progetto è biennale e ha come partner le scuole di 3 paesi: 

Cooperative Middle School for Modern Languages di Vienna (Austria)

Emil-Barth Realschule di Haan (Germania)

Szabó Pál Általános Iskola di Vésztö (Ungheria)

Ci si propone di analizzare il barocco europeo a livello artistico, letterario, musicale nel ‘600 e nel ‘700, considerando che questa cultura ha unificato parecchi paesi europei (ed anche extraeuropei) che erano allora in contrasto tra loro. Il progetto consisterà essenzialmente nel far lavorare gli studenti in vista della elaborazione di una mappa del barocco italiano (Sicilia, Napoli, Lecce, Roma, Firenze, Torino, arco alpino) ed europeo e nell’approfondimento di specifici, importanti aspetti di questa cultura (architettura, scultura, pittura, poesia, prosa, musica, corte, potere politico, chiesa, assolutismo etc.). Si tratterà insomma di evidenziare tratti specifici del <<barocco>> e momenti importanti della cultura <<dell’età barocca>>.

 

Europe 14-18, Régards croisés sur la Première Guerre Mondiale

Il progetto, promosso dall’Istituto per la Formazione Pedagogica dell’Università di Lille (Francia) e coordinato a livello nazionale da Pixel, ha come obiettivo il coinvolgimento di insegnanti di Storia nella scuola secondaria, di cinque paesi europei, in una ricerca comparativa sulle diverse prospettive e le diverse metodologie utilizzate per l’insegnamento della Storia della Prima Guerra Mondiale.